Adidas e le scarpe per ” correre sulla sabbia “

Posted in , , , , , , , , ,

sabbia adidas

 

Aarish Netarwala ha disegnato un paio di scarpe da ginnastica per l’Adidas che simulano la sensazione di correre sulla sabbia per intensificare lo sforzo durante l’allenamento.

La scarpa infatti ha una suola realizzata con un reticolo ottenuto tramite manifattura additiva che rende instabile l’impatto col terreno, simulando l’effetto di un piede che affonda nella sabbia. Il modello è nato dalla collaborazione tra il brand sportivo e l’ArtCenter College of Design di Pasadena come volontà di esplorare possibili scenari futuri del mondo dello sport.

Il progetto è nato dopo aver visto come in California fosse diventato un vero e proprio trend per gli atleti l’allenarsi su dune di sabbia per incrementare lo sforzo, rinforzando maggiormente i muscoli delle gambe e diminuendo allo stesso tempo l’indolenzimento dei muscoli al termine dell’esercizio.

La scarpa disegnata da Netarwala punta quindi a fornire a chiunque, indipendentemente dalla posizione geografica l’opportunità di usufruire di questa peculiare modalità di allenamento. I primi prototipi erano stati realizzati addirittura con veri sacchi di sabbia incollati alle suole delle scarpe.

 

sabbia adidas

 

Al contatto col terreno, la suola reticolata assorbe l’energia dell’impatto senza restituirla alla gamba dell’atleta e, nel contempo, ogni volta che il peso dell’atleta si sposta sulla zona anteriore della suola essa collassa, aumentando la difficoltà di movimento in linea retta. Solo al termine del movimento, quando il piede è stato sollevato da terra, la suola ritorna alla sua forma originaria. Il modello è composto da due parti principali, una sorta di calza a trama intrecciata digitalmente con tecnologia brevettata Adidas Primeknit, e una suola stampata in 3D, composto da un poliuretano elastomerico riciclabile resistente agli strappi.

La composizione della scarpa permette una facile separazione dei due elementi per agevolare il successivo riciclo dei materiali della scarpa.

 

Photos courtesy of  Aarish Netarwala