Atelier NL: un mondo in un granello di sabbia

Posted in , , , , ,

atelier NL sabbia

 

Si chiama “To See a World in a Grain of Sand” il progetto realizzato da Atelier NL: un’insolita raccolta di granelli di sabbia provenienti da ogni angolo del mondo, dal più vicino al più remoto, tra dune, spiagge, fiumi, montagne e cave, per creare vetri unici e originali. Natura, storia ed esperienza vengono utilizzati come strumenti per creare oggetti e collezioni che possano arricchire la vita di tutti i giorni.

Il progetto, presentato all’ultima edizione della Dutch Design Week di Eindhoven, invita chiunque a partecipare inviando un campione di sabbia in una bottiglia da 330ml. L’obiettivo finale è ottenere, attraverso la cottura della sabbia, diversi vetri per colori e texture, facendo emergere le specificità di ogni luogo, così che ogni località abbia il proprio.

Dal 2010, Atelier NL promuove questo progetto invitando tutti i partecipanti a riflettere sul valore inestimabile della sabbia come materiale. Senza di essa, infatti, non ci sarebbero il vetro, alcuni materiali da costruzione, i microchip, gli smartphone. La sabbia, dunque, come materiale prezioso, di cui non si può abusare nel campo dell’edilizia e non solo. Dall’altro lato, invece, il vetro, spesso richiesto sul mercato “bianchissimo”, che viene realizzato attraverso un uso improprio e non equilibrato delle risorse.

 

atelier NL sabbia

 

L’obiettivo di Lonny van Ryswyck e Nadine Sterk, le due designer olandesi che hanno fondato Atelier NL, è quello di “far vedere che è possibile pensare al vetro anche come a qualcosa di colorato e di specificamente legato a un luogo, perfetto nella sua imperfezione e capace di raccontare una storia, un luogo, una persona”.

Il progetto “To see a World in a Grain of Sand”, come hanno spiegato le stesse fondatrici, è anche un modo per coinvolgere il pubblico e farlo riflettere sia sulle funzioni del design, sia sull’ambiente: tutti, dagli studenti agli scienziati, dai bambini agli artisti, inizieranno così ad apprezzare la ricchezza delle proprie aree in maniera diversa, identificandosi profondamente con il proprio territorio. Ciascun granello di sabbia racconta, infatti, una storia, creando una connessione tra materiali locali ed esseri umani.

 

atelier NL sabbia

 

Atelier NL spera anche che il progetto possa ispirare le industrie sulla potenziale applicazione della sabbia, nelle sue forme selvatiche, evidenziando che l’attuale produzione di vetro utilizza esclusivamente sabbia bianca pura, ricavata, spesso, da cave. “Come espressione del desiderio umano di velocità, controllo e prevedibilità, la conversione delle sabbie bianche in vetro è diventata altamente standardizzata”, hanno affermato Lonny e Nadine, continuando “In qualche modo, lungo la strada, le sabbie hanno perso le loro storie insieme ai loro colori e personalità naturali”.