Dalla seta una pellicola trasparente che conserva la frutta più a lungo

Posted in , , ,

Direttamente dagli Stati Uniti, il ricercatore italiano Fiorenzo Omenetto, docente di ingegneria biomedica alla Tufts University di Medford, dopo anni di studi sulle proprietà della seta, ha scoperto delle potenziali applicazioni nel campo dei biomateriali del futuro.

fragole_seta

La scoperta – frutta e verdura si mantengono anche fuori dal frigorifero grazie ad un “bagno” nella seta liquida. A riguardo è stato pubblicato uno studio che dimostra l’efficacia della fibroina, una proteina della seta applicata come rivestimento (edible coating), nel preservare la frutta altamente deperibile, come fragole e banane.

Grazie a questo filamento è possibile proteggere dal deperimento la superficie dei cibi; sulla loro buccia, infatti, si deposita una sottilissima pellicola trasparente, inodore e biocompatibile, che permette di conservare i frutti fuori dal frigorifero per più di sette giorni.

I ricercatori hanno immerso delle fragole appena colte in una soluzione contenente fibroina, la proteina che rende la seta così forte. E’ bastata una pellicola di circa 30 millesimi di millimetro (1/4 del diametro di un capello) per proteggere il frutto dalla degenerazione.

fragola-seta_liquida

Una volta realizzato questo “abito” di seta, le fragole sono state lasciate a temperatura ambiente insieme ad altri frutti non trattati. A distanza di una settimana, le fragole protette dallo scudo di seta avevano conservato colore e consistenza, mentre quelle normali tenute fuori dal frigo erano da buttare. Lo stesso esperimento è stato poi ripetuto con le banane, consentendo di rallentarne la maturazione.

banana-seta

Gli esperimenti, pubblicati su Scientific Reports, dimostrano, quindi, che il rivestimento di seta aveva preservato la frutta dal contatto con l’ossigeno e l’anidride carbonica dell’aria (oltre ovviamente ai batteri) e ne aveva impedito la disidratazione.