GUMDROP e GUMPoint, due iniziative ecologiche per riciclare i chewing gum

Posted in , , , ,

gumdrop recycle bin gum

 

Le troviamo ovunque, in strada, sui banchi di scuola, attaccate ai pali… ormai invadono gli spazi pubblici! Le riconosciamo subito e ci infastidiscono alla sola vista. Per anni hanno rappresentato un rifiuto, seppur piccolo, dannoso e difficile da smaltire e riciclare. Si tratta delle gomme da masticare, nuove materie prime per la produzione di oggetti di design, grazie all’iniziativa di GUMDROP Ltd .

L’idea di dimostrare il potenziale di riciclo delle chewing gum è arrivata anche in un’altra nazione, precisamente in Argentina, attraverso GUMPoint, un progetto imprenditoriale ecologico di una scuola di specializzazione dell’Università di San Andrés di Buenos Aires, con lo scopo di trasformare le cicche, in una gamma di nuovi polimeri per la produzione di plastiche.

GUMPoint si reputa soddisfatta del progetto messo in atto poiché grazie a questa intuizione hanno trovato un nuovo materiale in grado di trasformarsi in un gran numero di elementi: oggetti di design, stivali di gomma, sandali, telefoni cellulari, imballaggi e molto altro.

 

gumpoint recycle bin gum

 

Ma la novità è costituita anche dall’introduzione di appositi cestini di raccolta (bins) di color rosa. A questo proposito, gli imprenditori di GUMPoint hanno affermato che grazie a questi cestelli, posizionati in luoghi strategici, è possibile intercettare le gomme da masticare prima che queste raggiungano il suolo, impedendogli, così, di danneggiare l’immagine della città e di diventare fonti di contaminazione.

Ma in questo GUMDROP Ltd è stata ancora più lungimirante, in quanto, lo stesso cestino di raccolta è il primo cestino al mondo interamente realizzato con scarti di chewing gum. L’obiettivo è quello di ispirare e motivare i consumatori a dare una seconda vita ai rifiuti; si tratta del miglior modo per assicurarsi che il riciclo avvenga in maniera responsabile ed ecologica.

 

gumdrop recycle bin gum

 

I benefici dalla raccolta di queste cicche sono molteplici: dalla salvaguardia del paesaggio, alla riduzione dei costi, fino all’ingente risparmio di tempo altrimenti investito per la rimozione delle stesse.

Attualmente l’attività di GUMDROP Ltd – a cui è possibile contribuire attraverso la sottoscrizione di una membership annuale – è limitata al Regno Unito e Danimarca.

In attesa, dunque, di un maggior coinvolgimento e interesse a livello globale su queste tematiche, non resta che continuare a sostenere queste iniziative diffondendo sempre più informazioni su questi nuovi progetti ecologici.