Materiali bio-based: dagli ananas la nuova eco-pelle

Posted in , , , ,

DAGLI ANANAS LA NUOVA ECO-PELLE 

 

Si chiama Piñatex il nuovo materiale innovativo sostituto della pelle, a base di fibre di foglie d’ananas, utilizzabile per la produzione di abbigliamento ed accessori moda.

Il materiale è stato creato da Carmen Hijosa, che ha lavorato come consulente per un’azienda filippina produttrice di pellami. Il contatto diretto con il mondo della lavorazione delle pelli, e la constatazione del notevole inquinamento che ne consegue, ha spinto Hijosa a trovare un materiale alternativo, eticamente ed ecologicamente più responsabile.

Pinatex materiale ecosostenibile

L’ispirazione è venuta dagli abiti tradizionali ricamati delle Filippine, realizzati con fibre di foglie d’ananas. La resistenza delle fibre di foglia di ananas hanno convinto Carmen della fattibilità del suo progetto. La svolta è arrivata nel momento in cui si è capito che era possibile creare un tessuto non tessuto attraverso la lavorazione delle fibre (sulla falsa riga del feltro).

The-Hog-Ring-Auto-Upholstery-News-Pinatex

Il risultato è stato eccellente, molto simile alla vera pelle; è possibile addirittura stampare sulla sua superficie, o trattarla in modo da avere diverse finiture e colori. Alla fine del ciclo di utilizzo il prodotto è compostabile, riducendo così al minimo l’impatto ambientale della produzione.

B6VugA_IcAAd03W

Pinatex ha un costo di 23 euro al metro quadro, contro i 25-38 della pelle di origine animale, ulteriore motivo per iniziare ad ultilizzarla  per abbigliamento ed accessori. Un primo prototipo di scarpe è stato progettato da Puma, industria da sempre interessata alla sostenibiltà ed ai materiali innovativi. Lo sviluppo del materiale Pinatex continua a svolgersi in Spagna e nel Regno Unito per cercare altri campi di applicazione: grazie alle sue proprietà antibatteriche infatti, si sta cercando il modo per utilizzarlo anche in campo medico per la realizzazione di bendaggi.

Materiale sostenibile ottenuto dalla frutta

 

Scopri altri materiali bio-based nella banca dati:

MC# 7337-01
Fibre di lino trattato con un procedimento enzimatico per la produzione di morbide e sottili fibre paragonabili al cotone che lo rendono adatto per l’utilizzo nella maglieria e tessitura. Può essere un’alternativa sostenibile al cotone o alle fibre sintetiche.

MC# 6185-02
Fogli resistenti, flessibili e traslucidi prodotti da una secrezione di batteri alimentati con una soluzione zuccherina (come per esempio il succo di ananas) in un bagno caldo. I fogli possono essere utilizzati in alternativa alla pelle nella realizzazione di borse, tappezzerie e accessori.

MC# 5826-02 
Microgranuli di poliidrossialcanoato (PHA) interamente biodegradabili in ambiente marino. Prodotti attraverso un processo di fermentazione direttamente nelle cellule viventi di microorganismi, hanno forma irregolare e svolgono un’azione abrasiva delicata, a differenza degli abrasivi duri, quali minerali o gusci di noce. Le applicazioni includono esfolianti delicati per la cura e l’igiene personale, quali sciampi, cosmetici e detergenti.