Sale: materiale per progetti innovativi e sostenibili

Posted in , , , , , , , ,

Latte, arance, limoni, caffè, sale, ananas, wasabi, cocco, riso, mais, soia, alghe, vini, birre, banane, mele, kiwi, olive, ciliegie, canna da zucchero, barbabietola, fragola, ortica…

Il sale come materiale per il design e l'architettura

L’uso del sale ha origini antichissime, risale a 10.000 anni fa, con la nascita dell’agricoltura e la necessità di conservare gli alimenti deperibili.

Il cloruro di sodio ha un ruolo importantissimo nella vita dell’uomo, ma solo il 10% della sua produzione viene destinata all’alimentazione. Si contano circa 14.000 utilizzi del sale: come antigelo per le strade, mordente per fissare il colore nelle fibre e sui tessuti, in quasi tutte le industrie alimentari e conserviere, come batteriostatico, nella produzione di prodotti chimici e di detersivi, nell’industria farmaceutica e cosmetica ecc…

Ma il sale è anche un materiale e il mondo del design e dell’architettura l’hanno applicato per la realizzazione di progetti innovativi, affascinanti e soprattutto ecosostenibili.

Per oggetti d’arredo, quali lampade o statuette, superfici decorative e paraschizzi, piastrelle traslucide, pareti interne presso le spa, viene utilizzato il sale rosa dell’Himalaya. Un materiale purissimo, non raffinato, naturale e polivalente, con una colorazione rosata grazie alla presenza di ferro e con una durezza superiore a quella dei comuni sali.

Interamente costruito con il sale è il nuovo ristorante iraniano Salt Restaurant Shiraz, la cui forma richiama le grotte di sale tipiche del paese. Come gli stessi progettisti affermano “il sale è un disinfettante naturale, purifica l’aria, migliora la respirazione e attenua gli odori, inclusi quelli della cucina; quindi perfetto per la ristorazione”.

ristorante realizzato col sale

ristorante realizzato col sale2

Nella stampa 3D Emerging Object, di Rael San Fratello, ha sperimentato il sale come nuovo materiale sostenibile da plasmare. Tra i progetti realizzati una ciotola naturalmente bianca e traslucida e Saltygloo, un esperimento di stampa 3D che ha utilizzato 336 pannelli traslucidi realizzati con sale raccolto dalla baia di San Francisco. Ogni pannello ricorda la forma cristallina del cloruro di sodio.

Saltygloo

“Saltygloo” Photo courtesy of Emerging Objects – www.emergingobjects.com

saltygloo - progetto di stampa 3D che utilizza il sale

“Saltygloo” Photo courtesy of Emerging Objects – www.emergingobjects.com

saltygloo - progetto di stampa 3D che utilizza il sale

“Saltygloo” Photo courtesy of Emerging Objects – www.emergingobjects.com

Sale stampato in 3D

Sale stampato in 3D – Photo courtesy of Emerging Objects – www.emergingobjects.com