Usi innovativi delle alghe del Mare del Nord

Posted in , , ,

© Material Design Lab at the Copenhagen School of Business and Design (KEA)

 

Kathryn Larsen, studente del Material Design Lab presso la Copenhagen School of Business and Design (KEA), dopo aver studiato l’antica tradizione costruttiva vichinga dei tetti realizzati con la pianta acquatica zostera – presente sull’isola di Læsø – ha iniziato a ricercare un processo produttivo che ne potesse essere un sostituto contemporaneo e sostenibile, utilizzando sempre la stessa alga. Sulle spiagge di Læsø si trovano costantemente un intricato groviglio di fibre vegetali, derivanti dalla famiglia di alghe delle Zosteraceae, genere Zostera.

“Le alghe sono un materiale fantastico che è ignifugo in modo naturale, resistente alle putrefazioni, alle emissioni di carbonio e dopo circa un anno diventa completamente impermeabile “, ha affermato Larsen. “Inoltre isola in modo comparabile con lana di roccia”.

 

alghe

© Material Design Lab at the Copenhagen School of Business and Design (KEA)

 

La ricercatrice dopo averstudiato studiato diversi leganti che faceva crescere su una griglia, ha realizzato infine i prefabbricati di paglia e alghe, questi pannelli si adattano sia ai tetti che alle facciate. L’alga zostera è comune in tutto il Regno unito e in Scandinavia. Larsen afferma che ci sarebbero abbastanza alghe per rifornire l’industria edile danese e che ci sono modi per coltivare e raccogliere la pianta senza danneggiare l’ecosistema marino.

I pannelli con le alghe di Larsen hanno superato otto mesi di prova sul tetto KEA. A questo punto Larsen afferma che sono “quasi del tutto intatti” e inizia a crescere muschio.

alghe

© Material Design Lab at the Copenhagen School of Business and Design (KEA)

 

Il centro di ricerca ha ottenuto dei finanziamenti per continuare a studiare questo metodo costruttivo e realizzare nuovi prototipi.
Larsen per il suo progetto ha utilizzato diverse ricerche svolte da alcuni studi di architettura di Copenaghen. Ad esempio ha sviluppato il lavoro dello studio di architettura  Seagrass, che ha fatto un uso innovativo dell’alga nell’arredamento di interni e in altre aree ed ha attinto dai risultati di un progetto del 2013 The Modern Seaweed House dove lo studio di architettura Vandkunsten e l’organizzazione no profit Realdania Byg hanno utilizzato l’alga nelle facciate.

“Le piante crescono, dando l’effetto di un tetto verde. È un materiale che dovremmo considerare seriamente in un’era di cambiamento climatico.”